Seguici sui social:
Cerca qui:
Seguici sui social:
Ariston
Home » Curiosità » È un Festival di Sanremo, al primo ascolto, dal sapore vintage.

È un Festival di Sanremo, al primo ascolto, dal sapore vintage.

I brani dei 26 big: poco rap, tanti riferimenti al passato. Non c’è rabbia o rivendicazione, nei testi vince ancora l’amore. Tanti i suoni e i riferimenti che arrivano dal passato nonostante l’età media dei concorrenti sia più bassa rispetto a molte edizioni precedenti. Amadeus, che ha ascoltato 350 canzoni, ha fatto una scelta precisa: “Ho puntato su brani che mi auguro possano rimanere nel tempo, sfondare in radio e sulle piattaforme streaming”. I ritornelli ammiccanti, in effetti, sono tanti, proprio come le canzoni pop dalla struttura classica in cui a tenere banco è il tema dell’amore.

Un sentimento centrale nella maggior parte delle 26 proposte musicali. Fra i migliori, in questa prima staffetta di ascolti, ci sono Colapesce-Dimartino, Coma Cose, Gaia, Malika Ayane, Fulminacci, Madame, La Rappresentante di Lista, Lo Stato Sociale e Willie Peyote. Il livello generale è molto buono. La premessa è quella che facciamo tutti gli anni e in questa edizione senza pubblico vale ancora di più: le canzoni di Sanremo si comprendono, nella loro completezza, sul palco dell’Ariston, messe in scena con l’orchestra e calate all’interno dello show televisivo.


https://www.rockol.it/

Partecipa ai commenti

Correlati