Seguici sui social:
Cerca qui:
Seguici sui social:
Home » Musica Internazionale » 44° anniversario dalla morte di The King Elvis il 16 agosto

44° anniversario dalla morte di The King Elvis il 16 agosto

44° anniversario dalla morte di The King Elvis

Il 16 agosto saranno trascorsi 44 anni dalla morte del mito di ELVIS Aaron Presley (1935-1977). Riconosciuto mondialmente come il Re del Rock & Roll, continua ad essere l’unico artista della storia della musica ad aver cantato nei diversi generi di Rock, Blues, Rockabilly, Gospel, Country, Rythm and Blues, Ballate, Soul, Pop rock, musica lirica e Pop. Suonava la chitarra, l’ukelele, il piano e la sua stessa voce, quella di un baritono insuperabile.

Con oltre 1 Miliardo di dischi venduti in tutti i formati esistenti, il musicista con più dischi d’oro, platino e diamante nella storia, seguito dai Beatles e Michael Jackson, e fino ad oggi ancora nessuno lo ha superato.

Elvis adorava la Spagna, anche se non ci è mai stato. A riprova del suo amore per i paesi europei, il fatto che effettuò il servizio militare dal 1958 al 1960 in Germania, e sembra che una notte abbia visitato Parigi, vicino alla Spagna. La sua devozione alla musica latina era costante, e difatti molte sue canzoni e alcuni film vennero realizzati con influenze e testi latini, come per esempio i film Blue Hawaii, Fiesta en Acapulco, Chicas Chicas Chicas e GL Blues.

Due vestiti tra i più famosi indossati ai concerti sono ispirati alla Spagna (Flores españolas). Si tratta di due vestiti indossati negli anni 1973-74 (il vestito nero della flores Español), con bordature a fiori, cristalli azzurri e verdi tra i bordi e fondo nero con controparte bianca, ma fatto con pietruzze in tonalità verde. Cintura originale flor español originale, come ricordo dei costumi artigianali andalusi e canari. Elvis indossò questo prezioso vestito, omaggio alla Spagna, nello scenario dell’Hilton di Las Vegas, il 31 Agosto del 1973. Elvis amava i paesi europei, anche se non venne mai in Spagna, ma ne parlava sempre bene, dedicando al paese belle canzoni come Spanish eyes e Never Been to Spain, con tonalità latine.

L’esatto opposto di questo vestito è quello della flor negra española, ma con pietre rosse. La versione bianca (flor blanca española) che Elvis utilizzò anche in agosto/settembre. L’impegno con Las Vegas: in ogni suo concerto, Elvis voleva rappresentare un pezzettino delle culture del mondo, in questo caso con i vestiti dei concerti e con la Spagna non poteva certo non rispettare questa sua volontà.

In Spagna sono ancora molte le persone che continuano ad amarlo, grazie anche al Club Elvis España, fondato nel 1991, e sono molti i fans che nelle Isole Canarie lo seguono ogni giorno, nel Club Fans de Elvis Aaron Presley Islas Canarias. Si prevede tra qualche anno la creazione di un museo dedicato alla memoria dell’artista nordamericano, museo che verrà istituito nella città de La Laguna, patrimonio della Umanità e dell’Unesco. Elvis Forever 2021.

Partecipa ai commenti

Correlati